AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità Progetto SISC

Comunicati Stampa


Tutti gli elementi

FINITA LA QUARANTENA SI RIMANE IN ISOLAMENTO: ANCORA NIENTE TEST

02/04/2020

BRONTE – (2 aprile 2020) – Chiedono di poter uscire presto dall’isolamento e tornare a vivere con i familiari.
Sono i brontesi tornati dall’estero o dalle zone rosse che hanno avuto la diligenza di rispettare quanto imposto dai decreti, denunciando il loro arrivo alle autorità e mettendosi in quarantena nelle seconde case o nelle abitazioni di campagna. Sapevano infatti che la quarantena doveva durare 14 e che alla fine l’Asp avrebbe dovuto sottoporli a tampone rino-faringeo. L’esito negativo avrebbe determinato la fine dell’isolamento. Bene i 14 gironi sono passati, ma non è chiaro quando effettueranno il test.
Il loro isolamento quindi continua, fra rabbia e malumore con la consapevolezza che alla loro diligenza non è corrisposta una prontezza da parte dello stato.
Il problema lo solleva il sindaco di Bronte, Graziano Calanna, che scrive al direttore generale dell’Asp 3 di Catania, Maurizio Lanza: “E’ mio dovere – scrive nella missiva - segnalarle che sono numerosi a Bronte i cittadini rimasti in quarantena perché rientrati in Sicilia dopo il 14 marzo  e che attendono che l’Asp provveda a sottoporli al test per verificare la eventuale positivi al coronavirus. Costoro sono rimasti diligentemente isolati nelle seconde case o nelle residenze rurali per oltre 14 giorni, fiduciosi che - trascorso il periodo della quarantena - l'Asp avrebbe provveduto a sottoporli al test per escludere la loro possibile positività e permettere loro di ricongiungersi con i loro cari. Per tale ragione, mi corre l'obbligo di chiederle, di accelerare l'iter necessario affinché le persone in quarantena fiduciaria possano uscire dall’isolamento”. 

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Odg n. 073739

Documenti :

Dettagli FINITA_QUARANTENA_SI_RIMANE_IN_ISOLAMENTO.doc